4 prestiti con cessione del quinto a Febbraio 2020

4 prestiti con cessione del quinto a Febbraio 2020

La cessione del quinto è una tipologia di prestito particolare, che nella maggior parte dei casi viene proposta a tutte quelle persone che, per diversi motivi, sono impossibilitate ad accedere ad una qualsiasi altra forma di finanziamento.

Vediamo per il mese di Febbraio, quali sono i 4 prestiti con cessione del quinto più interessanti sul mercato.

  • Pitagora propone un prodotto rivolto a pensionati, e dipendenti privati, pubblici o statali, in età compresa tra i 18 e gli 84 anni, con un Tan fisso al 4,16 per cento, e un Taeg al 4,35 per cento, per i dipendenti pubblici; Tan fisso 6,92 per cento, e Taeg 7,27 per cento per i dipendenti privati; Tan fisso 6,61 per cento e Taeg 6,98 per cento per i pensionati. L’importo massimo finanziabile è di 75.000 euro, e la durata del finanziamento parte da un minimo di 24 mesi fino a 120 mesi, eccetto quello relativo ai pensionati, la cui scadenza non può superare gli 84 mesi. Le spese d’istruttoria variano in base alla tipologia del richiedente, all’importo finanziato, ed alla durata del prestito, in qualunque caso è comunque prevista la sottoscrizione obbligatoria di un’assicurazione rischio vita e impiego, al fine di garantire la copertura dell’importo ancora dovuto.
  • Tra i migliori prodotti troviamo anche quello di BNT Banca, con un Tan al 4,42 per cento fisso, e un Taeg al 4,51 per cento, riservati ai dipendenti pubblici, che costituiscono la categoria con le maggiori agevolazioni, mentre per quanto riguarda i dipendenti di aziende private, il Tan è pari a 7,50 per cento fisso ed il Taeg a 7,76 per cento, infine per i pensionati il Tan e il Taeg proposti sono rispettivamente al 4,72 per cento fisso, e al 4,83 per cento. E’ richiesta l’assicurazione obbligatoria, e per i dipendenti il vincolo sul TFR, non vi sono spese aggiuntive, l’importo minimo del finanziamento è di 7.500 euro e la durata va da 36 a 120 mesi, fatta eccezione per i pensionati, che alla scadenza del prestito non devono aver superato gli 84 anni di età.
  • Interessante anche la proposta di Findomestic, che offre per i dipendenti pubblici un Tan e un Taeg fissi rispettivamente di 5,12 e 5,24 per cento, zero commissioni di intermediazione e gestione, zero spese d’istruttoria, e zero imposta di bollo sostitutiva, la durata massima del finanziamento è di 120 mesi, con sottoscrizione di una copertura assicurativa obbligatoria. Per quanto riguarda i pensionati, il Tan è pari a 6,46 per cento fisso, e il Taeg 6,65 per cento fisso, con possibilità di ottenere importi anche elevati, nel caso in cui venga scelta la durata massima, ovvero 10 anni. Anche in questo caso non sono previste spese aggiuntive, e l’unica garanzia richiesta è l’assicurativa obbligatoria, inoltre per i pensionati INPS e Inpdap, sono previste delle speciali agevolazioni, ossia maggior rapidità nella procedura e nell’erogazione, anche in caso di rinnovo operazione. Meno agevolati rispetto alle precedenti tipologie i dipendenti privati, sia per ciò che riguarda i tassi d’interesse più elevati, sia sui requisiti per poter accedere al prestito, infatti è richiesta l’assunzione con contratto a tempo indeterminato, presso un’azienda che abbia almeno 16 dipendenti, e che rientri in una delle categorie tra S.p.A., S.r.l., o S.c.a.r.l..
  • Infine tra le migliori proposte vi è anche quella di CreditOnline, che applica un tasso minore per i pensionati, con un Tan fisso al 4,69 per cento e un Taeg al 4,82 per cento, mentre per i dipendenti pubblici il Tan fisso è pari a 4,71 per cento, e il Taeg a 4,84 per cento, per poi salire ulteriormente per quanto riguarda i dipendenti privati, per i quali il Tan applicato è di 7,25 per cento fisso, ed il Taeg di 7,53 per cento. I richiedenti devono avere un’età compresa tra i 18 ed gli 83 anni, la durata massima del prestito è di 120 mesi, ed anche in questo caso è obbligatoria la sottoscrizione di un’assicurazione, sono inoltre previste 16 euro di spese iniziali.