Il Bonus Affitto di 1200 euro: come funziona e chi può richiederlo

Il Bonus Affitto di 1200 euro: come funziona e chi può richiederlo

Con la nuova legge di bilancio 2021 è stata stanziata una somma pari a 100 milioni di euro di contributo da parte dello Stato, destinato al bonus affitti, dei quali 50 milioni di euro già assegnati nel decreto Ristori, e altri 50 milioni di risorse della legge di bilancio. Tale bonus, rivolto a tutti i proprietari di casa che decidessero di ridurre il canone d’affitto ai propri inquilini, ha un valore massimo di 1200 euro per ciascun locatore, ed è pari al 50 per cento della riduzione del canone.

Diminuzione canone di locazione

Il bonus affitti consente dunque agli inquilini di ottenere una diminuzione del canone di locazione, attraverso una rinegoziazione con il proprietario dell’immobile, che accettando la riduzione, andrà poi a percepire il bonus mediante credito d’imposta. Nel caso in cui l’affitto fosse di 200 euro mensili, al proprietario verranno dunque riconosciuti 100 euro per ciascun mese, e si vedrà restituire un bonus totale di 1200 euro annuo. Il contratto rinegoziato dovrà poi essere depositato presso l’Agenzia delle Entrate.

Come accedere al bonus?

  • Per accedere al bonus affitti è comunque necessario che siano presenti dei requisiti fondamentali. Potrà essere applicato solo ai contratti in essere a partire dal 29 Ottobre 2020, che rappresenta la data in cui è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la misura prevista dal decreto Ristori; l’inquilino dovrà pagare ogni mese l’affitto; l’immobile dovrà costituire l’abitazione principale del locatario, e dovrà essere collocato in un comune ad alta tensione abitativa, ovvero, con particolari problemi riguardanti l’alloggio.
  • Qualora il proprietario di un immobile decidesse di ridurre il canone di affitto, per ottenere il bonus dovrà comunicare telematicamente all’Agenzia delle Entrate la riduzione dello stesso, affinché possa essere avviata la procedura. L’entrata in vigore del bonus affitti è prevista tra la fine del mese di Febbraio e l’inizio di marzo. Si attende tuttavia ancora un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, per conoscerne le modalità applicative.
  • In fase di richiesta del bonus è importante valutare anche un altro aspetto, ovvero che esso va ad esaurimento scorte, pertanto lo sconto applicato potrebbe subire una riformulazione a ribasso, qualora l’ammontare dei bonus richiesti dovesse superare la copertura prevista.

Se stai cercando i migliori prestiti casa sul mercato, prova gratuitamente il comparatore di Facile.it!