Prestiti e mutui 2021: il mercato del credito in crescita per le famiglie

Prestiti e mutui 2021: il mercato del credito in crescita per le famiglie

Sarà un'ottima annata il 2021 per il mercato di prestiti e mutui? Pare proprio di sì. Trascorso un 2020 pieno di incertezze per il mercato del credito al consumo, scoraggiato sul fronte richieste ed erogazioni dalla pandemia da Covid-19, ecco arrivare un primo trimestre positivo.

Secondo l'indagine condotta da CRIF e SDA Bocconi, il 2021 partirà in crescita per i prestiti alle famiglie. Qui di seguito, i dati relativi allo studio.

In positivo crediti finalizzati, prestiti personali e mutui

Il 2020 si è chiuso in modo scoraggiante per il mercato di prestiti e mutui. Da una parte sono calate le richieste e dall'altra il mercato del credito è stato più accorto nell'accogliere le domande di prestito. La pandemia da Covid-19 ha avuto un forte impatto sull'andamento del micro-credito, dei prestiti personali e dei mutui, il 2021 pare si profili diverso però.

E' ciò che emerge dall'indagine condotta dagli economisti di CRIF e SDA Bocconi, ricca di segnali positivi.

In base al presente studio, il 2021 partirà in crescita per i prestiti alle famiglie. Secondo le stime, il primo trimestre sarà caratterizzato da un andamento positivo del finalizzato superiore a 5.000 euro (tanto rispetto al primo quanto all'ultimo trimestre 2020).

Fra alti e bassi, anche i prestiti personali torneranno a crescere. Le domande di prestito, aumentate durante la fine del primo lockdown, erano calate di nuovo con l'arrivo della seconda chiusura nazionale. La fase nera i prestiti l'anno attraversata sopratutto a novembre, dopo il Black Friday, ma già dall'ultimo trimestre 2020 il mercato ha registrato un lento ma graduale recupero.

Ottime notizie anche per il mercato dei mutui. L'indagine di CRIF e SDA Bocconi intravede segnali positivi per il settore a partire dal primo trimestre 2021. Per i primi 3 mesi del nuovo anno, le stime parlano di migliori performance rispetto allo stesso periodo del 2020, con una variazione positiva tra il +11% e il +26%.

Gli esperti sottolineano che in generale l'andamento dei mutui è stato migliore rispetto a quello del credito finalizzato e dei prestiti, merito dei tassi d'interesse favorevoli che hanno caratterizzato il mutuo surroga e le rinegoziazioni.