Superbonus ed ecobonus 2021-2022: cosa prevede la Legge di Bilancio

Superbonus ed ecobonus 2021-2022: cosa prevede la Legge di Bilancio

La nuova Legge di Bilancio 2021 è approdata in Gazzetta Ufficiale e ha portato con se una raffica di bonus, tra cui la proroga del superbonus per gli interventi in ambito di efficienza energetica (ma anche per le opere antisismiche), la proroga dell'ecobonus e altre agevolazioni contenute perlopiù in micronorme.

Tante le novità in materia di Fisco, lavoro e prestiti. Ecco cosa prevede la manovra finanziaria trasformata in Legge n. 178 del 30 Dicembre 2020.

Proroga dei bonus ristrutturazione ed ecoincentivi

Una manovra finanziaria attesissima quella attuata con la Legge di Bilancio 2021. Attesa perché consente di sapere come sono stati modificati i bonus esistenti e se alcuni sono stati prorogati.

La disciplina del superbonus al 110% (l'agevolazione che eleva al 110% la detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per le opere i in ambito di efficienza energetica, antisismiche, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici) ad esempio, è stata modificata come di seguito.

Tra i soggetti beneficiari figurano anche le persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività d'impresa, con riferimento agli interventi su edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

La maxi detrazione invece è stata prorogata fino al 30 giugno 2022 e spetta anche per per le spese sostenute entro il 31 Dicembre 2022 per gli interventi effettuati dai condomini, per i quali alla data del 30 Giugno 2022 siano stati eseguiti lavori per almeno il 60% dell’intervento.

Inoltre, il superbonus viene esteso ai lavori di coibentazione del tetto; agli edifici privi di attestato di prestazione energetica; all’eliminazione delle barriere architettoniche; agli impianti solari fotovoltaici su strutture pertinenziali agli edifici.

A prescindere dal superbonus, e per chi non può accedervi , il 2021 è un momento favorevole per richiedere prestiti ristrutturazione, caratterizzati ora dall'applicazione di tassi d'interesse minimi.

Ottime notizie anche in tema di ecoincentivi. Come il superbonus, anche l'ecobonus per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici è stato prorogato al 2021.

Si tratta di una detrazione con aliquota variabile dal 50% al 75% per gli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

Fra gli interventi ammessi alla detrazione del 50% figurano la schermatura solare; l'installazione di caldaie a biomassa o a condensazione e le opere relative alla sostituzione di finestre e infissi. Godono della detrazione al 65% invece gli interventi coibentazione dell'involucro opaco; l'installazione di pompe di calore, di generatori ibridi e altre opere simili.

L'ecobonus dal 70 al 75% è riservato agli interventi in condominio per le spese sostenute dal 1º gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, con un limite di spesa di 40mila euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l'edificio.

Nella manovra finanziaria 2021 trova spazio anche il sostegno alla liquidità delle aziende. Risultano infatti prorogate la moratoria mutui PMI e i prestiti PMI garantiti dal SACE e dal Fondo PMI.